Skip to Content

pinacoteca-nazionale-bologna
Cesare Parenti conduce Artecittà alla visita della Pinacoteca nazionale di Bologna.

Data: 21 ottobre 2016

Care socie e cari soci,

Abbiamo visitato assieme molte belle chiese di Bologna, ammirando in queste alcuni dei capolavori della pittura bolognese (o meglio emiliana) dal XIV° al XVIII° secolo.

Mi è venuta l’idea di fare un esame più programmato di alcune opere dello stesso arco temporale. Fortunatamente abbiamo a Bologna una splendida Pinacoteca, dove è possibile seguire cronologicamente lo sviluppo della pittura nella nostra regione dal medioevo al novecento.

Per non  esagerare proporrei, più realisticamente, una visita concentrata su un periodo più ristretto: direi dai Bentivoglio (ultimo quarto del ‘400) fino al barocco bolognese dei Carracci (primo quarto del ‘600).

In Pinacoteca sono presenti una quarantina di opere che potremmo esaminare ragionevolmente in un’ora e mezzo. Naturalmente vi racconterò il mio punto di vista, che lo ricordo non è quello di uno storico dell’Arte ma solo di un amatore.

Ecco le informazioni relative alla programmata visita alla Pinacoteca di Bologna

Data:     sabato 29 ottobre, ore 15:00 in punto all’ingresso della Pinacoteca, via Belle Arti 56.

Costo:   ingresso 6 euro (non ci sono riduzioni per gruppi o per over) + 1,50 euro per audioguida (richiesta)

Nota:    non ci sono barriere architettoniche per disabili, è prevista l’assistenza del personale.

Durata: 2 ore circa.

Cosa visiteremo: le Sale da 9 a 16.

Uno dei “pezzi forti” della visita sarebbe la grande pala di Raffaell0 “Estasi di S. Cecilia”.

Dico sarebbe perché purtroppo il quadro si trova in prestito presso il Museo Puskin di Mosca, dove rimarrà fino al 12 dicembre. Quindi presumo non sarà visibile prima di gennaio 2017. Per di più, a tutt’oggi,  al suo posto non è stata messa neppure una riproduzione fotografica di dimensioni ragionevoli, tali da consentire quanto meno una visione dell’opera.

Nonostante ciò spero siate comunque interessati alla visita, che, lo ripeto, spazierà dall’ultimo quarto del ‘400 al primo quarto del ‘600.

Cesare Parenti, guida di Artecittà



inserendo un commento permetti ad ArteCittà di riprodurre le tue parole e il tuo nome. Commenti inappropiati o irrilevanti protrebbero essere rimossi a discrezione degli amministratori. Il tuo indirizzo e-mail sarà usato solo per scopi di verifica, non sarà mai pubblicato.

Ricevi gli aggiornamenti di questo articolo: Segui Articoli (RSS)

Ricevi gli aggiornamenti sui commenti di questo articolo: RSS 2.0